PARCO NATURALE DEL FIUME SILE

Torna alla homepage
Menu' di navigazione:

Home » L'Uomo » Gli antichi mestieri

L'Arte molitoria

L'arte molitoria | I Burci e la navigazione fluviale | Le risorse della Palude | Le lavandaie | Le Fornaci | I Passi a Barca | Squeri e Cantieri | La Pantàna, a barca da Sil |

La Via dei Mulini
Lungo il Sile l'attività molitoria e il traffico commerciale erano più che mai floridi. L'invenzione trainante e coadiuvante dello sviluppo economico del fiume fu l'invenzione del Mulino idraulico. La sua diffusione, V-XI secolo, fu favorita dalla notevole e regolare portata del Sile e dei suoi affluenti. Vi è un documento, datato 710 che parla di un mulino sul Sile nella zona di Casier. Nel 1568, esistevano solamente a valle di Treviso, sino alla confluenza del Musestre con il Sile, ben 84 ruote di mulini, compresi gli affluenti Anche l'affluenza del Melma sul Sile era dunque sfruttata per ricavare energia per il funzionamento del Mulino.
Lungo il Sile, infatti, l'attività molitoria e il traffico commerciale erano più che mai floridi... nel 1568 esistevano solamente a valle di Treviso, fino all'altezza della confluenza del Musestre col Sile, ben 84 ruote di mulini, compresi gli affluenti... L'obbligatorietà della produzione imposta dal governo veneziano, che esigeva la fornitura di 30.000 staia mensili, imponeva una lavorazione continua diurna e notturna.